Premio speciale "Una vita per l' Arte" (2006)

M° Giuseppe Antonello Leone (Scultore, Pittore)

Giuseppe Antonello Leone

Nato a Pratola Serra (Av) il 06/07/1917, si forma inizialmente ad Avellino, dove consegue il diploma di licenza presso la R. Scuola d'Arte per la Ceramica, allievo di Settimio Lauriello (con il quale fa le prime esperienze futuriste) ed Emanuele Di Palma. A Napoli frequenta il R. lstituto d'Arte, allievo di Eugenio Viti, Pietro Barila, Ettore Di Giorgio e nel 1936 si diploma maestro d'arte in ceramica.

Poi s'iscrive all'Accademia di Belle Arti di Napoli dove si diploma in pittura con il massimo dei voti nel 1940, sotto la guida di Pietro Gaudenzi, Eugenio Scorzelli, Mino Maccari. Vincitore di una borsa di studio di perfezionamento in pittura "Domenico Morelli". Frequenta il corso di decorazione pittorica con Emilio Notte ed Alessandro Monteleone (1941). Nel 1940 espone alla XXII biennale di Venezia (segnalato terzo) con un affresco "Le nuove città" e lo stesso viene esposto a Zurigo nella mostra di pittori e scultori italiani contempora­nei presentato con nota critica di Antonio Maraini.

Negli anni '50, superata la guerra, partecipa a quell'ampio movimento culturale di riscatto del sud che si sviluppa nella terra di Lucania, impegnato nella lotta per l'alfabetizzazione con Rocco Scotellaro, Manlio Rossi Doria, Tommaso Pedio e Concetto Valente. Vissuto in un periodo storico ricco di fermenti culturali, sociali e politica (la seconda guerra mondiale, il dopoguerra, la ricostruzione, le lotte contadine, gli anni 70 e le lotte operaie, gli anni 80, l'evento del nuovo millennio) ha partecipato agli eventi culturali ed artistici collaborando a mostre e manifestazioni di livello nazionale ed internazionale, in particolare a Napoli, Roma, Venezia, Milano e all'estero Potsdam, Liesborn, Zurigo, Barcellona, Patrasso, Budapest.

Nel 1961 realizza l'allestimento del Padiglione IRI Italia '61 a Torino per l'incarico del Ministero del Lavoro. Espone in quell'occasione, la "Dea Trifase", scultura collocata poi nel Centro IRI "ANGIFAP", Napoli ; e la stessa scultura ,fusa in bronzo, sarà poi collocata nel 2002 a San Giorgio a Cremano nella piazza del Pittore.

Direttore di quattro Istituti Statale d'Arte: Potenza, Sessa Aurunca (Ce), San Leucio (Ce), Napoli, 2° Istituto Statale d'Arte "Boccioni” Mostra d'Oltremare.

Tra i maggiori riconoscimenti ricevuti ha ottenuto il secondo premio alla mostra del "Paesaggio irpino" ad Avellino nel 1941; il 1° premio a Potenza alla mostra del "Risorgimento lucano" nel 1948; partecipa al Premio Mirò a Barcellona nel 1970; realizza la medaglia commemorativa per il bimillenario virgiliano, coniata dalla Zecca nel 1981 e riceve il Primo Premio alla Mostradiceramica di Ischia (1991), dal 1988 è socio corrispondente della società Nazionale dì Scienze, lettere e Arti in Napoli. Autore di significative opere pubbliche, importanti anche per le diverse tecniche usate: affresco, mosaico, ceramica maiolicata, vetrata, graffito ( affreschi a Benevento presso la Rocca dei Rettori e a Spinoso presso la Chiesa della Madonna Assunta; mosaici pres­so la Chiesa madre di Sessa Aurunca (Ce) e la Chiesa di Sant'Antonio di Corleto Perticara (Pz); vetrate presso il Duomo di Benevento e collezioni private; ceramiche maiolicata il Cristo per l'altare e la via Crucis presso la Chiesa di San Pietro in Camerellis a Salerno; pannelli in bronzo per la porta del Duomo di Messina; graffiti polistrato: "II circo" presso casa Ricotti, Potenza e "Ovo Matematicus", omaggio a Leonardo Sinisgalli, presso il municipio di Montemurro (Pz)

 

Il M° Lepore rivolge un saluto al M° Leone e consegna il Premio "Una Vita per l'Arte" Il M° Leone ringrazia il numeroso pubblico presente Pubblico radunato nell'atrio della chiesa Sta. Maria Maggiore di Maratea
L'Assunzione della Vergine - 1990 Vetrata policroma al Duomo di Benevento

Conio in bronzo della medaglia celebrativa della Accademia Etnostorica di Somma Vesuviana. (2001) Polo Museale del Centro Internazionale di Etnostoria, Sede di Ucria (Me)

Conio in bronzo della medaglia celebrativa della Accademia Etnostorica di Somma Vesuviana. (2001) Polo Museale del Centro Internazionale di Etnostoria, Sede di Ucria (Me)
Affresco "Le Nuove Città" - Benevento, Rocca dei Rettori, sede del Consiglio Provinciale