Direzione Artistica

C. A. M. - Centro Attività Musicale

M° Eduardo Franco Rondina

Eduardo Franco Rondina

Pianista, compositore e direttore.

Pianista, direttore e compositore nato in Argentina da genitori italiani, ha compiuto i suoi studi musicali sotto l’illuminata guida di José Lepore concludendoli al Conservatorio di Stato con il 10 e Lode, e perfezionandosi in un secondo momento a Ginevra con la pianista Edith Murano. Ha frequentato inoltre le classi dei Maestri György Sandor, Paul Badura - Skoda, Eduardo Vercelli, Jörg Demus, Mikhaïl Petukhov, Tatiana Levitina, Fausto Zadra, Renato Maioli, ecc. Ha studiato armonia, composizione e direzione corale col M° Silvano Sardi pubblicando sue musiche per la Bérben d’Ancona, tra cui la "Suite Infantile Op. 1" che ha conseguito enorme successo di critica, soprattutto nell'edizione americana della Theodor Presser Company  - California - U.S.A.

Inoltre ha scritto composizioni corali per voci bianche e gruppi polifonici, opere vocali su testi di poeti italiani, spagnoli e inglesi, musica per pianoforte. Alcune sue trascrizioni sono di pubblico dominio e reperibili al sito internet http:\\www.cipoo.net , http:\\www.centroattivitamusicale.it , http://www.coralsjoves.org/index.asp , http://www.centrecoral.org , http://www.cpdl.org ecc.

E' stato direttore del coro "Antonio Rendano" col quale ha tenuto concerti in diverse località d'Italia. Infine ha studiato canto col soprano Giuliana Bini, allieva del M° Walter Blazer. Ha diretto per 5 anni il Gruppo Polifonico “Santo Stefano” col quale nel 2003 ha registrato il primo CD nello studio ABE “Omaggio a Padre Pio” con approvazione ecclesiastica.

Ha tenuto concerti e conferenze per enti pubblici e privati sia in America sia in Europa quali Conservatori, Università, Collegio di Notai, Rotary, N.A.T.O., Festival, Ambasciate, per la CE.P.I.C.. È spesso giuria di importanti concorsi nazionali ed internazionali.

Per conto dell’ AMA Calabria, ha pubblicato la sua revisione dell'opera per pianoforte di Maurizio Quintieri, pianista e compositore calabrese.

Svolge intensissima attività didattica, alla quale in pratica dedica tutto il suo tempo, è stato per sedici anni, Direttore dei Concerti di Mezzogiorno che si svolgevano nell'ambito del Festival Internazionale "Verano Musical de Zumaia" in Spagna. Oggi, è direttore artistico del Festival Internazionale di Maratea (Pz) e Scalea (Cs).

Dal 2003 tiene delle Master Classes alla Jung Mission Music University di Daegù in Corea. E’ titolare del Corso di Perfezionamento di Pianoforte presso il Festival di Musica di Priverno (LT). Collabora intensamente con l’Accademia “Polaris” in veste di insegnante e di giuria del Concorso “Giuseppe Terraciano” di Giffoni. Collabora altresì con l’Accademia “Murgantina” facendo molto spesso parte della giuria dei concorso “Rachmaninoff” e “Sergio Fiorentino” organizzati a Morcone dall’Accademia stessa.

Ha inoltre realizzato gli studi classici in Argentina il che gli consente di aprire, nel 2000, un Centro di Lingue Spagnola e Ispanoamericane “Pablo Neruda” del quale è direttore dalla fondazione. Durante l’anno accademico 2005-2006 è stato titolare della cattedra di Pianoforte presso l’Accademia “Intermezzo” di Nernier in Francia

 

M° José Lepore

JOSE LEPORE

Josè Lepore nasce a Buenos Aires dove intraprende i suoi studi sotto la guida della pianista M. Angelica Roldàn, seguendo insieme le lezioni di Armonia con Carolina Manghi. Successivamente si diploma in Pianoforte presso il Conservatorio Manuel de Falla della sua città, frequentando le classi di Arturo del Bono (Pianoforte), Francisco Giacobbe (Storia ed Estetica della Musica), Marta Giovannini (Pedagogia) ed Ernesto Cobelli (Musica da Camera). Nello stesso periodo si avvale dei consigli del pianista peruviano Gregorio Caro, unico rappresentante della scuola di Claudio Arrau in America Latina.

In seguito si dedica ai corsi di Storia della Musica di Ernesto Epstein presso l'Università Cattolica Argentina, di Erwin Leuchter e Johannes Franze presso il Collegium Musicum di Buenos Aires. A soli 18 anni fonda e diventa Presidente del Circolo Culturale Il Lupo della Steppa, del quale fu eletto Presidente Onorario Herman Hesse, Premio Nobel per la Letteratura e autore dell'omonimo romanzo, con il quale intraprese un breve ma intenso scambio epistolare, decisivo per la sua formazione artistica. Il Circolo accolse famosi scrittori, poeti, filosofi e la sua attività ispirò a Lepore e ai suoi collaboratori la creazione di un Premio Letterario che riscosse grande successo e popolarità in Argentina e all'estero. Nel corso degli anni, sono stati insigniti del Premio tanti giovani intellettuali argentini, ma anche l'italiano Guido Nones, la uruguayana Maria Mombru e il famoso poeta Antonio Requeni, fra gli altri. Il salotto culturale del Circolo ha inoltre presentato in concerto musicisti quali Fausto Zadra, Pedro I. Calderòn, Anton Soler Biljensky, Marta Bongiomo, Hugo Charpentier, Dora Brezavscek, Marta Stem, Gilberto Dugour, Josè Lepore stesso e il grande Waldo de los Rios.

Nel 1960 si trasferisce in Europa, frequentando le lezioni di Carlo Zecchi a Roma e Salisburgo. Sempre a Roma studia con la pianista Mina Bloszfeldt, allieva di Leschetitzki, Egon Petri ed A. Schnabel. A Parigi partecipa invece al Corso sulle 32 Sonate di Beethoven tenuto da Alfred Cortot all'Ecole Normale. Nel 1971 segue come ospite speciale le lezioni di Louis Hiltbrandt al Conservatorio di Ginevra. La carriera concertistica di Lepore lo ha portato a riscuotere unanimi consensi di pubblico e di critica, specialmente nel repertorio cameristico. Il suo ultimo concerto pubblico ha avuto luogo a Palazzo Barberini a Roma, nel 1973. Da quel momento si è dedicato completamente all'insegnamento e al suo impegno di operatore culturale. Tornato in Argentina, ottiene una cattedra di Pianoforte Principale e Musica Antica presso il Conservatorio Provinciale di Buenos Aires, diventandone, per i suoi meriti didattici, Direttore di Studio.

All'Istituto Terziario di Alta Formazione del Docente, è titolare del corso di Pedagogia Musicale per post-diplomati. Molti dei suoi alunni sono nell'attualità direttori d'orchestra presso Teatri come il Colòn di Buenos Aires, Teatro Argentino de La Plata, Orchestra del SODRE di Montevideo; altri pianisti in carriera, docenti in Conservatori vari. Accademia di Vienna, Accademia di Nernier, direttori di Coro, compositori, ecc. L'Alliance Française, in collaborazione con l'Università Nazionale del Sud, ha pubblicato due dei suoi saggi: sulla musica del rinascimento e sulla musica contemporanea.

Col Patrocinio dell'Ambasciata della Repubblica Tedesca inaugurò nel 1975 l'Esposizione CARL ORFF, con un ciclo di conferenze sul famoso metodo didattico e sul materiale strumentale. Tornato in Italia in modo definitivo, nel 1977 fonda a Praia a Mare il CAM, Centro Attività Musicale e la Scuola di Musica "D. Scarlatti" della quale diventa Direttore musicale, incarico che mantiene ancora oggi.

Nel 1978 crea a Maratea il ciclo "Incontro col pianoforte" e collabora sin dall'inizio col Festival Internazionale del Golfo di Policastro, diventando Direttore artistico della Stagione concertistica. A Maratea organizza e partecipa ai Corsi di perfezionamento pianistico e stabilisce gli scambi culturali con Ravenna, Pesaro, Bruxelles, Parigi, Ginevra, Martigny e Madrid, scambi che hanno segnato un momento di grande prestigio per le Regioni Basilicata e Calabria.

Nel 1984 crea, insieme ad un gruppo di collaboratori, il Festival di Musica "Verano Musical de Zumaia" (Spagna) che tiene la prima edizione nell'Agosto del 1985 del quale diventa fondatore e direttore artistico, incarico che dovuto agli impegni in Italia ha dovuto lasciare nel 1996.

José Lepore oltre alla sua attività di docente presso la Scuola di Musica "D. Scarlatti", tiene Master Classes in Italia, Argentina, Russia e Bulgaria. E' docente dell'Accademia della Musica e delle Arti (Polaris) e del Corso Estivo di pianoforte organizzato dal Collegium Musicum di Latina. Collabora col Campus Internazionale di Taormina. Nel 2003, insieme a musicisti di prestigio, organizza il Concorso per Pianoforte e Orchestra intitolato a Fausto Zadra in un'unica edizione-memoria con la collaborazione del Collegium Musicum di Latina

José Lepore fa parte di giurie di prestigiosi concorsi Nazionali ed Internazionali.

 

Il brano che state ascoltando è tratto dalla Sonata per pianoforte 1990 di Mikhaïl Petukhov eseguita dall'autore (per gentile concessione del compositore - Pavane Records ADW 7365)